Tutti gli articoli di Cristina

Lanzada: Sesto Trofeo Massimo Picceni – Cronoscalata della Befana

Numeri importanti e  gara di livello per la consueta kermesse dell’Epifania proposta dalla Sportiva di Lanzada. Record presenze, nuovo best time nella prova in rosa sono la conferma di come il Trofeo Massimo Picceni goda di ottima salute.(dettagli sulla gara su  sportdimontagnasportivalanzada )

Il trofeo e’ stato realizzato per ricordare Massimo Picceni deceduto in un incidente sul lavoro in una cava nel 2004 a soli 36 anni. (dettagli)

Don Quadrio verso la Beatificazione

La Diocesi e, in particolare, la Valtellina potrebbero presto avere la gioia di festeggiare la beatificazione di monsignor Giuseppe Quadrio, sacerdote originario di Vervio morto 46 anni fa. Sabato, il Papa Benedetto XVI contestualmente alla firma dei decreti inerenti i Papi Giovanni Paolo II e Pio XII, ha riconosciuto “le virtù eroiche” anche del sacerdote valtellinese, nato il 28 gennaio 1920 e morto, appena 41enne, il 23 ottobre 1963.

Valtellina: Wwf promuove i distributori dell’acqua

In due incontri successivi tenutisi con gli assessori all’Ambiente dei comuni di Talamona e Morbegno il Wwf ha chiesto un impegno per realizzare, in tempi brevi, anche in Valtellina, la prima “Casa dell’acqua”

Non sono iniziative commerciali: si tratta di piccole strutture di erogazione, che ospitano un impianto in grado di fornire gratuitamente o con un modesto contributo economico acqua al naturale, leggermente gassata, a temperatura ambiente o leggermente refrigerata.

Dettagli: ilgiorno.ilsole24ore.com e laprovinciadisondrio.it

Valmalenco: tempo di “gabinat”!!

La Valmalenco si prepara a festeggiare la ricorrenza del Gabinat.
La parola dialettale “gabinat” deriva dal tedesco gabe-nacht (notte dei doni) e indica il giorno dell’epifania. Sin da tempi antichissimi e secondo una tradizione importata probabilmente dalla Baviera, vige l’usanza tra gli abitanti di molti centri della Valle di darsi il saluto pronunciando l’espressione “gabinat”. Il primo tra i due che riesce a pronunciare la parola, secondo l’usanza, avrebbe il diritto a ricevere un dono dall’altro.
Il “gabinat” parte dai vespri della vigilia e dura fino al tardo pomeriggio del 6 gennaio, il malcapitato che dovesse perdere avrà poi tempo fino al 17 gennaio, giorno di San Antonio in cui inizia il carnevale, per poterlo saldare.
Questa tradizione rimane viva ancor oggi tra i bambini i quali preparano e adottano ogni tipo di stratagemma per poter cogliere di sorpresa la persona da loro prescelta e poter pronunciare per primi il “gabinat”.