Archivi categoria: Attualità

Valmalenco: i Valmalenchini hanno aiutato Vernazza…

Un paese intero salvato da due operai valtellinesi.

Era necessario, tra le altre cose, liberare il tunnel del torrente Vernazzola che passa sotto il paese dei detriti accumularti dall’alluvione del 25 ottobre 2011.

Erano necessari dei mezzi speciali. Sono arrivati dalle miniere Imi Fabi della Valmalenco e per raggiungere il paese hanno dovuto costruirsi un ponte provvisorio smuovendo la terra esondata.

Ma le macchine non bastano e allora ecco che in cabina arrivano sempre dalla Valmalenco Roberto Agnelli e Marcello Guerra, due minatori che per otto giorni hanno lavorato giorno e notte, concedendosi poche ore di sonno.

In paese li hanno conosciuti tutti e sanno che è solo grazie a loro se Vernazza è tornata a respirare. Sono di poche parole Marcello, 41 anni, e Roberto, 50 anni, tutti e due di Chiesa in Valmalenco. E allora preferiscono far vedere quello che hanno fatto, piuttosto che parlare: «Il tunnel del Vernazzola lo abbiamo liberato in due giorni, così ora l’acqua può scorrere al mare. Tutto ha avuto inizio da qui. L’effetto tappo ha dirottato le acque in centro al paese e il fango si è infilato ovunque».

Nella foto Roberto sulla pala più piccola – la “Toto T 150″ – che è stata la prima ad entrare in azione. I minatori della Imi Fabi la chiamano “la nonna” e per Santa Barbara brindano in suo onore. C’è chi in miniera la dava per spacciata e lei invece a Vernazza, in piena emergenza, si è difesa come una leonessa.

La montagna ha teso la mano al mare.

Da vedere l’interessante servizio sul sito della Radio Tevisione della Svizzera Italiana sull’impresa dei Valtellinesi.

Fonte: www.laprovinciadisondrio.it

Ponte in Valtellina: Sagra di San Maurizio il 16-17 settembre

Venerdì 16 settembre alle 20.30 è prevista la “Serata Rock” con il concerto dei gruppi “Hola Joe” e “Gang Band”. Per l’occasione sarà attivo il servizio bar con grigiala mista, patatine, frittelle di mele. Sabato 17 settembre si terrà, a partire dalle 19.30, la sagra tradizionale con una cena a base di prodotti tipici e l’accompagnamento dell’orchestra “Andrea e la band del cuore”. Durante la serata ci sarà l’estrazione del biglietto vincente della “Lotteria di San Maurizio 2011”.

fonte: www.vaol.it

Tirano: accoglie la sua miss il 10 giugno

Tirano accoglie la sua miss. Venerdì 10 giugno in piazza Marinoni è in programma la festa per Ida Maria, la giovane tiranese che è stata eletta Miss Paraguay 2011 e parteciperà alle finali di Miss Italia nel Mondo.
La bellezza nostrana, un metro e 70 di altezza, 20 anni da compiere il 9 agosto, è attesa il 25 giugno a Reggio Calabria per le finali. In quell’occasione sarà accompagnata da mamma Felipa e papà Bruno Franzini, con la sorella minore Jazmin. Ma, prima, Ida Maria ha voluto fare una tappa a Tirano, da dove è partita due anni fa dopo il diploma al liceo artistico di Morbegno, per frequentare l’università in Paraguay.

fonte: www.laprovinciadisondrio.it

Valtellina: Il patron Zomegnan: “Il Giro da voi è di casa”

Riparte il Giro d’Italia e in Valtellina inizia il conto alla rovescia. Come ormai da tradizione da un decennio a questa parte, grazie ai rapporti sempre ottimi con gli organizzatori e alla presenza in provincia di Sondrio di itinerari belli e difficoltosi, la Valtellina sarà toccata dalla grande corsa ciclistica rosa anche nell’edizione che celebra i 150 anni dell’unità d’Italia. E saranno due le tappe che interesseranno la provincia di Sondrio proprio nella settimana decisiva del giro. E’ vero che non saranno due tappe impossibili, in molti si sarebbero attesi il Mortirolo (il re dei passi italiani senza nulla togliere alle altre asperità), ma poter ospitare il Giro è sempre un grande onore. Appuntamento il 25 e il 26 maggio con l’arrivo della Feltre-Tirano e la partenza della Morbegno- San Pellegrino Terme.

fonte: ilgiorno.it

Tirano: Lo straordinario viaggio del “trenino rosso”

Fino al 30 aprile, a Sondrio e a Tirano, due mostre fotografiche dedicate ai paesaggi montani attraversati dalla ferrovia del Bernina. Oltre cento anni di vita, tra la Valtellina e St. Moritz.

Patrimonio mondiale dell’Unesco dal 2008, la ferrovia del Bernina è tra le strade ferrate più spettacolari d’Europa. Partendo da Tirano in Valtellina, inerpicandosi sulle pendici del Bernina, il “trenino rosso” supera il confine con la Svizzera lasciando la sua ideale scia di vapore lungo valli e monti del Cantone dei Grigioni, fino ad arrivare a St. Moritz. Questo affascinante capolavoro di ingegneria ha poco più di un secolo, essendo stato realizzato tra il 1907 e il 1910, ma certamente non lo dimostra.

fonte: terranews.it