Archivi tag: Valmalenco

Valmalenco: mille anni e non sentirli

alta-valmalenco-mille-anni-e-non-sentirli-pronto-il-sentiero-verso-il-laric_e95bbf58-4187-11e7-905e-fff3a3552816_998_397_big_story_detail

Era un giovanotto all’epoca della Prima Crociata nel 1096 e, quando nel 1492 Cristoforo Colombo si imbarcò per la sua avventura americana, era un’arzillo vegliardo. Ma è ancora vivo. In discreta salute è a tutt’oggi, il larice più vecchio, con età certa, presente in Italia.

Un “tesoro” custodito nell’Alta Valmalenco, di cui ieri è stato presentato il sentiero che sale in Val Ventina, illustrato in un opuscolo scritto a più mani, dalla Comunità montana di Sondrio, il Cai della Valmalenco, il dipartimento Territorio e sistemi agro-forestali dell’Università di Padova, il Consorzio turistico Sondrio Valmalenco, con il distretto del Commercio malenco.

Fonte: .laprovinciadisondrio.it

Valmalenco. l’albero più vecchio d’Italia

Larice-millenario-della-Valmalenco-e1493880270515

In Valmalenco alcuni anni fa è stato scoperto un tesoro della natura: un gruppo di larici e cembri in Val Ventina con oltre 500 anni di vita alle spalle, capitanati da un larice millenario. Quest’ultimo, ancora vivo e in buona salute, rappresenta a tutt’oggi l’albero più vecchio in Italia, con età certa, e tra i più vecchi in Europa. Un albero speciale quindi, sopravvissuto per oltre un millennio alle severe condizioni dell’alta quota, con tanto da raccontare. Da qualche anno infatti alcuni ricercatori universitari stanno studiando l’area interessata per conoscere, ridefinire e trascriverne la storia, risalendo innanzi tutto all’età esatta del larice, che secondo gli studiosi è in vita dal 1007, ma anche realizzando un opuscolo informativo in distribuzione presso gli uffici del Consorzio Turistico Sondrio e Valmalenco o visibile sul sito. Ma la vera bellezza sta nella visita dal vivo. Per raggiungere il larice millenario sono sufficienti 30 minuti dai rifugi Gerli e Ventina. Una facile escursione lungo un percorso panoramico: un luogo, selvaggio e solitario, che invita a riflettere sulla natura delle cose, sulla vita e il tempo che corre.

Fonte: ilmetropolitano.it

Valmalenco : Don Renato Lanzetti è stato nominato dal vescovo Oscar nuovo vicario generale della Diocesi.

Nomine_Vescovo_Oscar-384x253

Al termine della S. Messa crismale che si è svolta in Cattedrale a Como, il vescovo Oscar Cantoni ha preso la parola per annunciare agli oltre trecento sacerdoti presenti e ai fedeli le nuove nomine.
La decisione arriva, ha precisato il Vescovo, al termine di un periodo ricco ed interessante di ascolto dei vari vicariati che è avvenuto da Natale ad oggi.
Dal 1° settembre 2017 il nuovo vicario generale della diocesi sarà don Renato Lanzetti, attuale parroco di Grosio.

Fonte: settimanalediocesidicomo.it

Valmalenco: Tanti eventi prima, durante e dopo Pasqua tra Sondrio e Valmalenco

Miniera della Bagnada Lanzada Valtellina-2

Tanti eventi prima, durante e dopo Pasqua tra Sondrio e Valmalenco
Arriva la settimana di Pasqua e tra Sondrio e Valmalenco non mancheranno appuntamenti per tutti i gusti prima, durante e dopo le festività pasquali, in grado di richiamare l’attenzione dei turisti e non solo, con un primo sguardo anche sull’estate. Fonte e dettagli: sondriotoday.it

Chiesa Valmalenco: Pista Bocchel del Torno (o Pista Sasso Nero)

pistasassonero

La Pista Bocchel del Torno (o Pista Sasso Nero) è una delle piste più famose e maggiormente frequentate della Skiarea di Chiesa in Valmalenco (So)
Oltre che con il nome di Bocchel del Torno (nome utilizzato per l’omonima seggiovia che serve la pista) è conosciuta anche come Pista Sasso Nero, per via della Montagna Sasso Nero (3000 mt.) che sorge alle spalle.
La Pista a nostro avviso è uno dei tracciati più divertenti di Chiesa Valmalenco, la raggiungiamo tramite la Pista Rossa di Campolungo deviando sulla nostra sinistra prima di raggiungere il Dosso dei Vetti (1850 mt.)
Dopo aver presola Seggiovia Bocchel del Torno (2400 mt.) il tracciato inizia con pendenza molto lieve, superato questo tratto iniziale abbiamo una netta curva a destra che ci introduce sul tratto centrale e più pendente della pista.
Le pendenze sono abbastanza marcate ma nonostante questola lunghezza del pendio è modesta.
Superato questo tratto la pista piega a sinistra e prosegue con pendenza molto leggera ( quasi un azzurra), prima di arrivare alla base della seggiovia è presente un’altro piccolo muretto finale.

Fonte: saliinvetta.com

Valmalenco: “Storiche attività”: 9 eccellenze in Valmalenco

pistasassonero

“Storiche attività”: 9 eccellenze in Valmalenco
Il riconoscimento di Regione Lombardia a chi ha saputo adeguarsi ai tempi, salvaguardando la tradizione

50 anni di attività, anche se non continuativa, conservazione della medesima merceologia ed insegna e, possibilmente, conservazione della stessa gestione, nonché sede fisica. I requisiti richiesti da Regione Lombardia per il riconoscimento di “Storica Attività”. Un premio a chi ha saputo adeguarsi ai tempi, salvaguardando la tradizione. Un merito a chi ha creato con il proprio servizio un valore duraturo per la comunità in cui ha operato e continua ad operare.

Fonte e lista attività: sondriotoday.it

Valmalenco: dal 3 al 7 aprile i Campionati Mondiali Juniores di Freestyle

lb_IMG_7358_s

Dopo il successo avuto a Milano con Big Air in the city, la Valmalenco torna ad essere teatro di spettacolari evoluzioni da parte dei migliori atleti Juniores e dei grandi Big del mondo del Freestyle.

Dal 3 al 7 aprile all’Alpe Palù si terranno i Campionati Mondiali Juniores di Freestyle. Mancano ancora le ultime iscrizioni di alcuni degli “squadroni” che, negli anni passati rappresentavano i Team Nazionali più agguerriti, ma già oggi l’Ufficio Gare del Mondiale FIS Freestyle Ski 2017 registra numeri davvero considerevoli: oltre 250 atleti accreditati che rappresentano 19 Nazioni.

Confermato il Team USA (che negli ultimi due anni si sono aggiudicati il trofeo “Marc Hodler” per il miglior risultato a squadre), il team Svizzero, tedesco, canadese, francese ed austriaco, solo per citare i gruppi più consistenti: numeri che parlano chiaro e promettono battaglia specie nelle prove più “tecniche”.

Per quanto riguarda le prove più “acrobatiche” come gli Aerials, non mancheranno i dominatori delle ultime edizioni: la forte Nazionale Kazaca ha confermato la presenza, ma si attende ancora la lista ufficiale dei partecipanti.

A meno di un mese dall’apertura ufficiale dell’evento il Comitato Organizzatore della Valmalenco ha già avviato i motori e sta preparando un’accoglienza all’altezza delle aspettative della carovana FIS, che ogni anno apprezza il clima umano e le doti di ospitalità di tutta la comunità della Valle.

Non di secondaria importanza, la preparazione delle piste e delle infrastrutture: dopo un avvio parco di neve “natural”, questa seconda parte di stagione ha finalmente preso la svolta auspicata concedendo un ottimale innevamento. Ad oggi la ski-area dell’Alpe Palù a Chiesa Valmalenco vanta condizioni di massima godibilità che consentiranno di preparare al meglio le infrastrutture necessarie.  Dal park per lo Slopestyle, come i tracciati veloci per lo Skicross o quelli tecnici per le gobbe “Moguls”, gli uomini delle piste Malenche e gli esperti Shaper sono già al lavoro confidando di poter disporre di tanta e buona materia prima che in Valmalenco non manca mai: la neve.

Fonte:
neveitalia.it