Valmalenco: Il sentiero della pietra ollare

13730981_1780950982188353_4551990865549376424_o

Percorso

Breve percorso ad anello che consente di visitare gli antichi luoghi di estrazione e di lavorazione della celebre Pietra Ollare verde del Pirlo. Ha inizio in corrispondenza del ponte presso gli antichi torni dove si arriva seguendo il segnavia 316; qui è presente un opificio ancora efficiente, utilizzato per dimostrazioni di tornitura dei laveggi. Il percorso, caratterizzato da un tipico logo, abbandona subito dopo il sentiero principale per risalire lungo il torrente Sassersa dove sono presenti ruderi di altri opifici; in corrispondenza di una radura pianeggiante si devia verso sud per riguadagnare il sentiero in prossimità del punto belvedere detto Crun, dove ci si affaccia sull’intera vallata. Di seguito si continua fino alle cave, visitando i diversi cunicoli, ove accessibili, per raggiungere infine l’attuale area estrattiva alla sommità dell’insediamento; si divalla infine verso il laghetto del Pirlo (tratto coincidente con l’Alta Via) la cui origine è data da una sorgente presso gli antichi cunicoli. Attraversato il pittoresco maggengo del Pirlo, si segue la traccia che scende alla sinistra del torrente Sassersa incontrando ruderi di altri opifici, per chiudere l’anello presso i torni visitati in precedenza.

Fonte: ecomuseovalmalenco.it

Valtellina: Le donne dell’Atletica Alta Valtellina Campionesse Italiane di Corsa Campestre 1

Risultato storico per la società valtellinese che ha lasciato dietro di sé la Forestale e l’Esercito.
Risultato storico per l’Atletica Alta Valtellina e per le specialiste della corsa in montagna che domenica 21 febbraio u.s. a Gubbio sono salite sul gradino più alto del podio ai Campionati italiani di società di corsa campestre, mettendo dietro il G.S. Forestale e il C.S. Esercito. Adriano Greco avrà sicuramente stappato lo champagne per un successo di tale portata, raggiunto grazie alle superlative prestazioni di Emmie Collinge (2ª), Elisa Desco (5ª), Valentina Belotti (19ª) ed Elisa Compagnoni (114ª).
A livello di campionato italiano individuale, da festeggiare anche la medaglia di bronzo di Elisa Desco nelle seniores alle spalle di Silvia La Barbera (G.S. Forestale) e Federica Del Buono (G.S. Forestale), mentre la gara è stata vinta dall’ugandese Juliet Chekwell; da citare anche il 16° posto di Alice Gaggi con la maglia della Recastello Radici Group.

croppedimage701426-gubbio251

Fonte: valtellinanews.it

Valtellina: Passerà dallo Stelvio il centesimo Giro d’Italia nel 2017

croppedimage701426-stelvio-salita

L’edizione della popolare gara ciclistica in programma a Maggio-Giugno del prossimo anno avrà il crisma della solennità storica, trattandosi della centesima. Sarà quindi particolarmente prestigioso per i territori (leggi: Comuni) che riusciranno ad aggiudicarsi il transito della carovana di ciclisti e ancor di più l’arrivo di una tappa.

S’intuisce quindi perché la discussione della riunione di martedì – presenti diversi sindaci e rappresentanti di istituzioni attive in provincia di Sondrio – sia stata accesa e straordinariamente partecipata.

Fonte: valtellinanews.it

Vetto: La Sagra di Vetto 2016 il 30 Luglio

11755715_882685955147917_3942274958019316698_n (1)

La Sagra di Vetto è nata come tentativo di riportare l’originalità, la genuinità e la semplicità delle degustazioni nelle sagre paesane. Siamo giunti all’undicesima edizione e ringraziamo tutti gli affezionati della Sagra che con la loro partcipazione ci hanno permesso di raggiungere questo traguardo.
CHI SIAMO: abitanti della frazione di Vetto, e non solo, accomunati da un fortesenso di solidarietà e passione per le cose semplici.
NOVITA 2016
-Per far posto alle 20 pietanze e accogliere i sempre più numerosi ospiti, si è provveduto ad allungare ulteriormente il percorso, che con i suoi 770 metri, abbraccia tutta la frazione.
-Gemellaggio tra vettesi di Lombardia e quelli Emiliani. Una delegazione del comune di “Vetto” di Reggio Emilia ci verrà a trovare e porterà la sua specialità: gnocco fritto e Parmigiano Reggiano.

Fonte: valtellinamobile.it

Valtellina: Tennis, la Valtellinese Federica Rossi convocata in Nazionale

Federica Rossi

Federica Rossi, dopo aver trascorso due settimane in Repubblica Ceca, dove, accompagnata da un tecnico nazionale della Federazione Italiana Tennis, ha partecipato a due tornei International Tennis Federation under 18, vincendo il torneo di doppio di Praga (in coppia con Rosanna Maffei del 1999), Federica Rossi è impegnata in questi giorni con la Nazionale italiana di tennis under 16.
Federica è stata convocata, insieme alle altre azzurre Lisa Piccinetti e Giulia La Rocca, entrambe più grandi in un anno (classe 2000), per partecipare al campionato europeo a squadre per nazioni under 16, in programma a Newcastle in Gran Bretagna, dal 27 al 29 luglio.

Fonte: ilgiorno.it

Valmalenco: “MANUFATTI”. Artigianato Artistico in mostra a Chiesa Valmalenco.

chiesavalm

Verrà inaugurata venerdì 29 luglio alle ore 17.30 presso la Teca di Chiesa in Valmalenco, e proseguirà fino a martedì 16 agosto, l’esposizione temporanea di opere dell’artigianato artistico “Manufatti”. La mostra curata dal gruppo dell’Artigianato Artistico di Confartigianato Imprese Sondrio, proporrà ad ospiti e turisti della Valmalenco una selezione quanto mai ricca e variegata di opere realizzate in Valtellina dai maestri artigiani del gruppo. Il percorso offrirà al visitatore non solo la possibilità di ammirare “i manufatti”, opere di elevato pregio artistico, ma anche di poter conoscere i laboratori e scoprire dagli autori l’abilità, l’estro e la passione che si celano dietro ad ogni opera.

croppedimage701426-2689-01-17-42-8105

Fonti:
valtellinanews.it
gazzettadisondrio.it

Valmalenco: “Per antiche contrade”

Dal 23 luglio al 24 agosto si terrà la 4° edizione di “Per antiche contrade”, visite guidate alla scoperta dei nuclei rurali più antichi della Val Malenco.
In programma quest’anno: Bedoglio e Cucchi di Spriana, Ciappanico di Torre S. Maria, Costi e Somprato di Chiesa, il centro storico di Caspoggio e le antiche stüe, Tornadri e le calchére a Lanzada.

Le visite guidate sono gratuite.
Per info e orari clicca sulla locandina

Bedoglio

Fonte: www.ecomuseovalmalenco.it

Valmalenco: l’origine del nome

IMG_8474

Come nella maggior parte dei casi, anche il termine “malenco” ha origine incerte. Gli studiosi in questo campo, spesso in contrasto, sono giunti a vari significati.
Per alcuni il nome deriverebbe dalla parole celtiche “Mal en ga” tradotte letteralmente in testa stretta dall’acqua, per altri deriverebbe da alcune lingue pre-romane e significherebbe fiume del monte (Mall-anko) ed infine, forse la più precisa in concordanza alle antiche leggende, da Val Malenga, valle del male per essere circondata da spaventevoli montagne.
Curiosi anche i soprannomi come “La Magnifica” , “la val di bachétt” e “la val di sass” , rispettivamente per le fascine di legna e i sassi commerciati dai suoi abitanti sin dai tempi lontani.

Fonte; valtellina.leccotoday.it

Valmalenco: Cento anni di storia Malenca attraverso i quaderni

“Cento anni di storia Malenca attraverso i quaderni”. E’ questo il titolo della suggestiva mostra fotografica pensata per il centenario del palazzo scolastico di Chiesa in Valmalenco. La mostra è allestita nell’aula seminterrato di via Roma, 116 con ingresso dalla piazzetta Cri. E’ aperta tutti i giorni esclusi sabato e festivi, dalle 10 alle 12,30 sino al 31 Agosto

cento-anni-storia-malenca

Fonte: calendariovaltellinese.com

Notizie, appunti, eventi, ricordi e impressioni.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi