Valtellina: Parte la Coppa del Mondo La Valtellina cala il poker

Sono ben quattro – per trovare un numero così elevato bisogna risalire negli anni novanta – i valtellinesi in azzurro che partecipano quest’anno alla Coppa del Mondo che, come non accade da molti anni, a Soelden.

Sono Irene Curtoni e la sorella Elena, Nicole Agnelli e Roberto Nani. Il prologo di Soelden sarà poi seguito da quattro settimane di pausa, prima che la stagione intensifichi i suoi appuntamenti.

parte-la-coppa-del-mondo-la-valtellina-cala-il-poker_302a49b4-5abc-11e4-8717-977f8ac2ced5_cougar_image

Fonte: laprovinciadisondrio.it

Lanzada: con il “Cross del Pradasc” la corsa campestre torna protagonista

Riparte la stagione della corsa campestre in provincia di Sondrio con il “Cross del Pradasc” organizzato a Lanzada dalla locale Sportiva domenica 2 novembre 2014. La prova era valida anche come terza prova del Campionato provinciale di società di corsa campestre – Trofeo Credito Valtellinese ed ha visto in gara complessivamente 310 atleti.

croppedimage701426-Lanzada6

Fonte: valtellinanews.it

Valtellina: Sui ghiacciai della Valtellina le sentinelle del clima

Sul Dosdè Orientale un laboratorio a cielo aperto comunica con i satelliti e una stazione meteo per comprendere perché la fusione dei ghiacciai è così rapida.

dos-kbpC-U4304094661697jXE-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

Un ghiacciaio è un essere vivente, che respira, mangia, si muove e si ammala. Ed è grazie alla ricerca scientifica che è possibile studiare lo stato di salute di quelli che sono considerati come i migliori indicatori del mutamento del clima. Ricerca scientifica che oggi ha a disposizione le migliori tecnologie, dai satelliti della Nasa ad avanzatissime stazioni meteorologiche. Perché oggi i ghiacciai si stanno sciogliendo sempre più intensamente ed è fondamentale comprenderne i meccanismi.

Fonte: corriere.it

Valtellina: torna protagonista al Giro d’Italia 2015

croppedimage701426-croppedimage701426-Giro-photo

Un grande ritorno quello della Valtellina al Giro d’Italia 2015. Dopo anni di assenza la provincia di Sondrio torna protagonista in una delle più grandi gare a tappe del ciclismo mondiale. Nell’edizione numero 98, infatti, saranno ben due le tappe che vedranno i ciclisti cimentarsi sulle nostre strade di casa.

Martedì 26 maggio 2015, per la 16esima tappa, i corridori dopo esser partiti da Pinzolo, in Trentino, si dovranno cimentare in quella che, probabilmente, sarà la tappa più impegnativa di tutto il Giro, e passando dal Passo del Tonale, dal Passo dell’Aprica e dal Passo del Mortirolo torneranno all’Aprica dove è fissato il traguardo. Un frazione estenuante di 175 chilometri che nella prima parte prevede anche la scalata del Campo Carlo Magno nelle vicinanze di Madonna di Campiglio.

Fonte: valtellinanews.it

Chiesa Valmalenco: Scarponata Alpina 2014 –

Nonostante una leggera pioggia che ha scoraggiato gli indecisi e reso il fondo particolarmente scivoloso, in più di 300 si sono dati appuntamento in Valmalenco per cimentarsi sul doppio tracciato, quello non competitivo da 6km e quello agonistico da 13. Qui, a vincere dopo una cavalcata tra strade, boschi e sentieri attraverso i comuni di Chiesa, Lanzada e Caspoggio, sono stati Enrico Bendetti dell’Adm Melavì Ponte e la junior dell’Atletica Alta Valtellina Giulia Compagnoni.

10440661_792863357432642_3421635846906908877_n

Fonte: sportdimontagna.com

Valmalenco: Estratti dalla pietra, uomini e pietre della Valmalenco

ESTRATTI DALLA PIETRA. Uomini e pietre della Valmalenco, dal passato al futuro

“Estratti dalla pietra” è il film documentario realizzato dall’Ecomuseo della Valmalenco, per la regia di Simone Bracchi, che racconta di un legame secolare, quello tra la Valmalenco, la sua gente e le sue pietre.

redim (1)

Nato all’interno del progetto “Giovani eredi per vecchi mestieri” il film “Estratti dalla pietra” è una sorta di reportage, una fotografia sul tema legato alla realtà della pietra, guardato non solo sotto l’aspetto storico, tecnico, scientifico, ma soprattutto con gli occhi della gente che con la pietra lavora quotidianamente, di coloro che della pietra hanno fatto una professione. “Estratti dalla pietra” vuol essere un esperimento, quello cioè di guardare, forse per la prima volta, alla pietra della Valmalenco da tutte le angolazioni: dalla pietra estratta, lavorata, scolpita, incisa, studiata a quella scalata, “percorsa” attraverso i sentieri e le vie alte delle montagne della Valmalenco.

La pietra e il suo utilizzo sono parte integrante del patrimonio culturale e socio-economico della valle. Oggi come nel passato, la pietra in Valmalenco costituisce ancora una emergenza e una opportunità di lavoro, in diversi campi: i prodotti del serpentino e del dorato (tegole, marmi per rivestimenti, materiale per pavimentazioni, arredi per interni ed esterni), quelli della pietra ollare (laveggi, oggetti d’arredamento, opere d’arte), il talco e le sue innumerevoli applicazioni, le pietre preziose, costituiscono una unicità apprezzata e richiesta in tutto il mondo. Allo stesso modo, la roccia della Valmalenco nel suo contesto naturale, con le sue vette, fra le più alte d’Italia (Monte Bernina, Monte Disgrazia), i suoi sentieri, le sue peculiarità geologiche (Marmitte dei Giganti, Parco Geologico) attira da più di un secolo alpinisti, villeggianti, visitatori che ogni anno alimentano una economia turistica rilevante ed apprezzabile.

Il film “Estratti dalla pietra” è disponibile da ottobre 2014.

Fonte dove si può visionare anche un trailer del film: ecomuseovalmalenco

Sondrio e Valmalenco : puntano sulle emozioni per EXPO2015.

ciclabile-bici-valmalenco

Il territorio, per il Mandamento di Sondrio e Valmalenco, è il punto di forza con cui questa area può presentarsi ai visitatori di Expo 2015 quale destinazione alpina più caratteristica e facilmente raggiungibile da Milano. Molte parole si possono spendere per raccontarne i punti di forza, ma grazie all’adesione ad un progetto di Explora (la società di marketing territoriale ufficiale di Expo 2015) il Consorzio Turistico Sondrio e Valmalenco identificato come partner territoriale dalla Regione Lombardia, gioca la carta della “unicità”: immagini di scorci mozzafiato, a forte impatto emotivo ed evocativo, comunicheranno in immagini ed attraverso le emozioni quanto si può vedere, vivere e provare con un soggiorno tra Sondrio e Valmalenco.

Fonte: intornotirano.it

Notizie, appunti, eventi, ricordi e impressioni.